Sustainability Transition Management

L’epidemia di COVID-19 ha cambiato la nostra vita e le nostre abitudini di lavoro.

Per affrontare questa sfida globale è necessario mantenere il focus sulla sostenibilità, aiutando il processo di transizione dalla pandemia (e tutti i problemi sociali che ha rivelato) verso un futuro in cui individui, aziende e istituzioni, lavorino insieme per migliorare il benessere sociale e dell’ambiente.

L’Executive Master in Sustainability Transition Management ha l’obiettivo di fornire a Manager e Professionisti gli strumenti operativi e le conoscenze strategiche al fine di sviluppare la loro carriera professionale a livello internazionale sul tema della sostenibilità globale.

Il programma si inserisce nel tema della transizione verso la sostenibilità, definito come un insieme di processi di cambiamento che modificano sostanzialmente le caratteristiche strutturali della società: transizione nell’industria, energia, sistemi urbani, agricoltura e mobilità.

Il programma si concentrerà su questi cinque pilastri, fornendo così ai partecipanti una visione sistematica di come la sostenibilità possa essere tradotta in risultati economici, ambientali e sociali tangibili.

L’Executive Master in Sustainability Transition Management è un programma online di 12 mesi in formato part-time, con sessioni di insegnamento che si tengono due sere a settimana (martedì e giovedì  18:00-21:00 CET) e due sabati al mese (9:00-13:00 CET). Ogni sessione online dura circa tre ore e combina lezioni, discussioni di casi, lavoro di gruppo tra i partecipanti, virtual factory tours e dialoghi di transizione sulla sostenibilità con i leader del settore.

L’Executive Master includerà anche un study tour di tre giorni in presenza in Italia a maggio 2022, in cui i partecipanti sperimenteranno come le aziende leader nel settore automobilistico, del packaging , delle energie rinnovabili e food si stanno dirigendo verso la transizione sostenibile.

Infine, con lo scopo di fornire un’esperienza di apprendimento completamente personalizzata, ogni partecipante sarà accoppiato con un tutor professionista, esperto nell’area della sostenibilità, che supporterà lo sviluppo professionale di ogni studente durante il Master e lo sviluppo del lavoro finale del progetto

L’Italia è il luogo giusto per migliorare le proprie competenze sulla transizione alla sostenibilità e per sviluppare una nuova mentalità pronta per la “nuova normalità”.

Aspetti principali:

• L’Università di Bologna è al primo posto nell’UE e al sesto nel mondo per sostenibilità (FT Global Ranking 2020).

• Bologna ospiterà il nuovo data center europeo delle previsioni meteorologiche dell’ECMRW.

• La scienza dei dati per la sostenibilità rappresenta una capacità fondamentale dell’ecosistema aziendale di Bologna.

• L’Italia è al primo posto nell’UE con un + 25% di crescita delle aziende che implementano pratiche di sostenibilità e il 2 ° (dopo il Lussemburgo) in termini di efficienza delle risorse.

• Il gigante italiano dell’energia Enel Green Power è una delle più grandi aziende di energia rinnovabile al mondo, con 46 gigawatt di capacità installata.

• Il mercato delle tecnologie pulite in Italia è di circa 30 miliardi di euro.

IL MASTER È UN INVESTIMENTO.

IL PRESTITO È IL MODO DI FINANZIARLO.


Matteo Mura

Matteo Mura

Direttore Scientifico
matteo.mura@unibo.it

" Non ci sono alternative alla sostenibilità. Le imprese che lo hanno capito hanno raggiunto migliori performance. Questo Executive Master è creato per formare professionisti in grado di ripensare il processo di creazione del valore all'interno dell'impresa coerentemente con la transizione verso basse emissioni di CO2, l'economia circolare e gli SDGs. "

CLASS PROFILE 2020

PROVENIENZA GEOGRAFICA

    Questo Master si rivolge a manager e professionisti che vogliono arricchire il proprio percorso di carriera nell’ambito della sostenibilità globale acquisendo strumenti e competenze di management per affrontare il processo di transizione alla sostenibilità e all’economia circolare della propria impresa.

    Le competenze sviluppate durante il percorso potranno essere impiegate per operare in società private, ONG e organizzazioni del settore pubblico

STRUTTURA

La metodologia di studio è caratterizzata dalla flessibilità delle sessioni online integrate da uno study tour di 3 giorni on campus. Questo  ormat consente di confrontarsi con docenti e partner internazionali e di conciliare lo studio con l’attività lavorativa.

Corsi Core

14 corsi core online che forniscono skills e conoscenze specifiche per guidare in azienda la transizione sostenibile.

Smart Week

3 giornate on-campus (giovedì, venerdì e sabato) uno study tour che comprenderà company visit, testimonianze e attività di networking.

Sustainable Dialogues

5+ incontri con Senior Manager finalizzati a raccontare esperienze manageriali.

Mentorship

Nell’ottica di fornire un’esperienza di apprendimento fortemente personalizzata, ogni partecipante sarà affiancato da un tutor professionista, esperto in sostenibilità, che supporterà lo sviluppo professionale di ogni studente durante il Master e lo sviluppo del lavoro finale del progetto.

Virtual Factories

attività di gruppo, connesse a livello tematico con i corsi core in svolgimento, che prevedono l’applicazione degli strumenti e delle competenze apprese durante i singoli corsi.

Project Work

Il project work permette di contestualizzare la conoscenze e gli strumenti acquisiti. Può essere sviluppato individualmente o in piccoli gruppi.

Leadership Talks

3+ Speech di taglio ispirazionale con personalità rilevanti nell’ambito della Sostenibilità e dell’Economia Circolare.

Distance Learning

La piattaforma online è parte strutturale del programma. Contiene i moduli didattici, esercitazioni per testare l’apprendimento e consente l’interazione tra partecipanti, docenti e tutor tramite forum e chat dedicate.

CORSI

Il ruolo delle imprese per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile con particolare attenzione a come questo processo di cambiamento del modello di sviluppo incida sulle imprese e sui loro modelli organizzativi. In questo contesto diventa interessante valutare come l’insorgere della pandemia abbia modificato, in una situazione aperta non ancora prevedibile, il potenziale ruolo dell’impresa per supportare la resilienza trasformativa della società. Si approfondiranno contesti e modelli organizzativi in evoluzione, per cluster settoriali.

Zanni Sara

La nuova agenda globale di trasformazione sostenibile richiede un’analisi transdisciplinare e interdisciplinare della complessità e delle crisi della società. L’economia ecologica guadagna quindi un ruolo centrale concentrandosi sul governo dell’attività economica mentre promuove la sostenibilità, la giustizia e il benessere. L’Agenda delle Nazioni Unite2030 e gli SDGs fungono da tabella di marcia per la transizione verso la sostenibilità e il livello globale locale e aziendale. Questo corso mira a far convergere le diverse agende e il pensiero sistemico che circondano l’economia ecologica e ad analizzare il contributo verso gli SDGs e lo sviluppo sostenibile. Inoltre, mira a sviluppare un pensiero critico verso i problemi identificati e le soluzioni. Con un focus sul ruolo centrale dell’imprenditoria e del settore commerciale come motore dell’innovazione e del cambiamento.

 

  • La scienza del cambiamento climatico
  • Radiazione ed equilibrio energetico
  • Il ciclo del carbonio
  • Perché il clima sta cambiando?
Pascale Salvatore

Il corso si focalizza sulle geografie e le geopolitiche del cambiamento climatico e ambientale e sulle relative sfide socio-ecologiche e politiche. Mira a fornire una panoramica sullo sviluppo del pensiero, della politica e della governance del clima e dell’ambiente e adotta approcci geografici per riflettere sui principali attori, processi e conflitti. Questi temi sono analizzati su scala globale insieme a un focus regionale sul Sud Globale, specialmente sull’Asia centrale e sudorientale.

Zinzani Andrea

Lo scopo di questo modulo è di aumentare la consapevolezza del ruolo e del funzionamento delle aziende moderne quando emergono sfide, opportunità e soluzioni di sostenibilità. Il mio obiettivo è quello di aumentare la nostra consapevolezza collettiva della molteplicità delle questioni associate alla sostenibilità ed esplorare ciò che tutto questo significa per le aziende. A tal fine, ho delineato tre aspetti della sostenibilità – adattarsi alle nuove richieste, trattare con più stakeholder e creare un orizzonte temporale – che possono servire come base per approfondire la vostra comprensione delle questioni legate alla sostenibilità.

Garud Raghuram

Nell’ultimo decennio la sostenibilità, la responsabilità sociale delle imprese e le pratiche di gestione delle parti interessate sono diventate fondamentali per le aziende e per la società in generale. Sebbene la maggior parte delle aziende abbia sviluppato programmi di sostenibilità nel corso degli anni, poiché stanno riducendo le emissioni di carbonio, riducendo gli sprechi e migliorando in altro modo l’efficienza operativa, stiamo assistendo a un miscuglio di tattiche di sostenibilità che non si sommano a una strategia sostenibile. Per sopravvivere, una strategia sostenibile deve far fronte agli interessi concorrenti – e apparentemente divergenti – di tutte le parti interessate: investitori, dipendenti, clienti, governi, ONG e società.
In questo contesto, i sistemi di misurazione delle prestazioni aziendali (PMS) svolgono un ruolo chiave in quanto aiutano le aziende a formalizzare e attuare le loro strategie sostenibili, nonché a identificare in modo proattivo nuove traiettorie che aiutano le aziende a conciliare adeguatamente i compromessi tra i desideri e le esigenze dei diversi stakeholder.

Zanni Sara

Negli ultimi decenni le pratiche di sostenibilità e la corporate social responsability (CSR) hanno assunto primaria importanza per le imprese così come per la società in generale. Nonostante molte imprese abbiano sviluppato programmi di sostenibilità durante il corso degli anni, riducendo le emissioni di carbonio e la quantità di rifiuti potenziando dall’altra parte l’efficienza operativa, stiamo assistendo a un miscuglio di tattiche di sostenibilità che non incrementano però strategie sostenibili.

Lo scopo di questo corso è quello di iniziare un dibattito intorno al ruolo e al funzionamento delle moderne società nel momento in cui affiorano sfide, opportunità e possibili soluzioni in ambito di sostenibilità. Nello specifico, l’obiettivo del corso è quello di indagare i collegamenti tra sostenibilità CSR e il ruolo chiave che le tecnologie digitali possono ricoprire come mezzo per tradurre le strategie di sostenibilità in risultati effettivi.

Il corso permetterà agli studenti di acquisire una solida e robusta comprensione di come gli investitori istituzionali finanziano e investono nel settore delle energie rinnovabili: come valutare i principali rischi commerciali, legali, macroeconomici e tecnologici, quali strumenti utilizzare per mitigarli e come misurare il ritorno sugli investimenti. Gli studenti risolveranno un caso aziendale reale in cui impareranno ad utilizzare un modello finanziario che prevede su un orizzonte di 20+ anni il conto economico, lo stato patrimoniale e il rendiconto finanziario di un’azienda di energia rinnovabile.

Ghetti Riccardo

L’obiettivo generale di questo corso è di coprire gli aspetti più importanti della value chain, compresi quelli che riguardano questioni interorganizzative/catena di fornitura o intraorganizzative, per esempio, l’approvvigionamento e la distribuzione, e di spiegare come l’innovazione orientata alla sostenibilità deve essere considerata in tutti gli aspetti. Soprattutto, invece di trattare la sostenibilità separatamente, l’intenzione in questo corso è che l’approccio orientato alla sostenibilità sia considerato nel contesto di ogni argomento.

Miandar Toloue

Lo scopo finale del corso è quello di esplorare le molte dimensioni della creazione e della crescita di nuove iniziative in contesti sia indipendenti sia aziendali, osservando sia il processo che le persone coinvolte nella valutazione delle idee, nello sfruttamento delle opportunità e nella conversione di concetti in aziende verdi e sostenibili che possono davvero aggiungere fino a una strategia globale sostenibile. I candidati svilupperanno un toolkit metodologico per progettare, comprendere e valutare progetti di business verde. Il progetto capstone per questo corso ti richiederà di lavorare come un team di consulenti che offrono consulenza a start-up verdi del mondo reale, utilizzando gli strumenti che hai accumulato nel corso.

Pastore Alessandro

Le grandi sfide sociali del nostro tempo, incorporate nell’agenda 2030 delle Nazioni Unite attraverso gli obiettivi di sviluppo sostenibile e la crisi del capitalismo moderno basato sul massimo valore per gli azionisti, richiedono un cambio di rotta nei modelli di business tradizionali e pongono la questione delle imprese la sostenibilità al centro. In questo contesto, sta emergendo un nuovo modello di imprenditorialità in cui le aziende rispondono ai problemi sociali attraverso nuovi modelli, metodi e prodotti e servizi che combinano gli obiettivi della performance economica e finanziaria con la ricerca di un impatto sociale positivo. Il modulo affronta i concetti, gli approcci e le pratiche principali per comprendere le principali forme di innovazione sociale e il loro impatto sui processi produttivi e organizzativi e gli effetti sulla reputazione delle imprese.

Magalì Fia

Passare dall’economia lineare a quella circolare richiede un ripensamento completo dei prodotti, dei processi e delle catene di approvvigionamento. Questa transizione richiede l’adozione di un approccio anticipatorio in base al quale la durata di vita, le funzioni e la generazione di rifiuti dovrebbero essere tenute presenti nella fase di progettazione per identificare e prevenire potenziali impatti in ogni fase della catena del valore, ma anche massimizzare, aggiungere e mantenere valore nei cicli successivi. Nonostante l’esistenza di sistemi di gestione dei rifiuti, i materiali sono ancora una presenza pervasiva nell’ambiente, con conseguenti preoccupazioni sociali. Ricollegando i bisogni della società e le pressioni ambientali con la proposta di valore aziendale, le esternalità possono essere ridotte e il valore può essere condiviso. L’economia circolare è il modo per abbracciare la responsabilità aziendale: riutilizzare, riparare, rimettere a nuovo, rifabbricare e riutilizzare, piuttosto che riciclare, sono tra le strategie circolari che supportano le organizzazioni ad affrontare un’innovazione socio-tecnica e a cambiare i modelli di business in modo sostenibile.

 

Foschi Eleonora
  • Impatto dei rischi geologici e dei processi guidati dal cambiamento climatico sulle comunità/società
  • La gestione dei rischi geologici da parte delle autorità nazionali e sovranazionali
  • Il concetto di rischio di rischi geologici
  • Riduzione del rischio dei disastri naturali
Donati Davide
  • Scenario energetico globale: produzione, domanda e previsioni
  • Economia circolare e produzione energetica (recupero termico dei rifiuti a bassa entalpia e gestione dei rifiuti a fini energetici)
  • Quartieri Smart Energy
  • Produzione e distribuzione di idrogeno
Ancona Maria Alessandra

Networking

L’Executive Master in Sustainability Transition Management è un master fatto di persone, in cui si creano occasioni di confronto formali e informali per facilitare lo scambio di idee ed esperienze tra i partecipanti. Il networking si sviluppa tra gli studenti, tra i gli studenti e i docenti, nonché con la community della Scuola. La dimensione internazionale del programma permette inoltre di costruire una rete di contatti molto variegata e di dimensione globale.

Durante lo Study Tour sono previste visite aziendali e testimonianze che permettono ai partecipanti di confrontarsi con manager o imprenditori su un’esperienza significativa. Il contatto diretto con i protagonisti di importanti realtà rappresenta una grande opportunità di apprendimento e di networking.

AZIENDE

L’Executive Master in Sustainability Transition Management è un percorso ideale per lo sviluppo di competenze specialistiche e capacità di leadership. Partendo dai principali problemi e temi che le imprese e istituzioni hanno evidenziato nella fase di progettazione nei propri contesti, è stato possibile mettere a fuoco e capire le esigenze e le aspettative rispetto a questo percorso di formazione.


Programme Advisory Committee

  • Castagna Mourão e Lima Andrea – Safety and Ethics Principal Delivery Hero
  • Davide Collini – CEO, B-Plas
  • Andrea Saverio Cornacchia , CEO Carbon Credit Consulting
  • Orlandi Luca, PMO – Program & Transformation Office Manager Aeroporto G. Marconi
  • Olivia (Ling-Chu) Yeh – Customer Supply Chain Manager Logitech
  • Giovanna Zacchi – Responsabile Sustainability & ESG Manager BPER

Community

Una volta terminato il Master, è possibile aderire alle attività dedicate alla Community per espandere il proprio network.

 

CONTATTI

     
     

CONTATTA

FORM CONTATTA ALUMNO

SCARICA BROCHURE

     
     

COSTI

La quota di iscrizione al Master è pari a:

  • 13.800€ (+iva) per iscrizioni a titolo individuale
  • 16.200 € (+iva) per iscrizioni  a titolo aziendale

Sono previste possibili 10 Borse di Studio parziali.

Sono previste quote agevolate per le aziende aderenti al Business Network della Scuola e per iscrizioni anticipate.

La quota comprende la frequenza al Master, tutto il materiale di studio disponibile attraverso la piattaforma on line.  La quota comprende inoltre per le 3 giornate in presenza l’accesso ai servizi di Bologna Business School, che includono: account personale wi-fi, uso dei pc del Computer Lab, utilizzo delle aree studio, accesso alla palestra interna, agevolazioni per il ristorante della Scuola. Inoltre, la quota dà diritto a frequentare le attività a supporto della didattica della Scuola, come le master lecture su invito.

FONDI INTERPROFESSIONALI

Sono disponibili agevolazioni presso il proprio Fondo Interprofessionale di riferimento:

Fondimpresa finanzia la formazione a sostegno dell’innovazione tecnologica di prodotto e/o di processo nelle PMI aderenti del settore manifatturiero. Per maggiori informazioni cliccare qui.

REQUISITI

L’Executive Master in Sustainability Transition Management ha l’obiettivo di fornire a Manager e Professionisti gli strumenti operativi e le conoscenze strategiche al fine di sviluppare la loro carriera professionale a livello internazionale sul tema della sostenibilità globale.

 

Il Master è aperto a laureati con più di 3 anni di esperienza professionale e a non laureati con un’esperienza lavorativa di almeno 5 anni.

 

PROCESSO DI AMMISSIONE

Il processo di selezione si svolge attraverso l’analisi del Curriculum Vitae e un colloquio individuale per analizzare attitudini, necessità e profilo professionale. Per candidarsi è necessario inviare il Curriculum Vitae a emst@bbs.unibo.it

I candidati verranno contattati per fissare il colloquio di selezione con la Direzione del Master.

FAQs

Il processo di selezione consiste in un colloquio con la Direzione Scientifica, organizzato su richiesta del candidato pervenuta al Program Manager del Master. Il colloquio non è vincolante all’iscrizione.

Per l’accesso ai Master Executive, è richiesto il possesso della laurea triennale come titolo preferenziale. Tuttavia, alcuni posti sono riservati anche a partecipanti non laureati che abbiano però maturato una significativa esperienza aziendale, da valutarsi in sede di colloquio di selezione.

No, i Master Executive non sono Master universitari, non prevedono pertanto l’erogazione dei CFU (Crediti Formativi Universitari).

Il program manager può fornire certificati di presenza al termine delle lezioni a coloro che ne fanno richiesta.

Al termine del percorso viene rilasciato un diploma di partecipazione (previo il raggiungimento dell’80% delle ore d’aula).

No, perché non si tratta di un Master universitario

Back To Top