My Story, Our Story: Angela Sebastianelli, la mia carriera da under 30

1 Agosto, 2019

Nata e cresciuta a Parma, Angela Sebastianelli ha una formazione scientifico-informatica e ha conseguito la Laurea in Giurisprudenza presso l’Università di Parma, prima di scoprire il mondo del marketing durante una delle sue prime esperienze lavorative: da lì l’esigenza di specializzarsi nel settore e la scelta di iscriversi al Master in Business Administration Part-time Weekend nel 2012.

Parlaci un po’ di te: chi sei, da dove vieni e qual è stato il tuo percorso accademico

Dopo la Laurea ho iniziato subito il mio percorso nella multinazionale leader nel settore dolciario Sperlari/Saila/Dietorelle (ai tempi Leaf Italia) come Legal specialist, impegnata nelle ricerche di anteriorità su marchi e brevetti. È proprio in questa occasione che la mia passione per la scrittura e la comunicazione incontra il marketing: durante il lancio di un nuovo prodotto (Sperlari Gran Perle) do il mio contributo creativo nella scelta del naming implementando prime strategie di coinvolgimento e di comunicazione integrata. In quel periodo decido di tornare a Parma con un impiego di Chief Editor presso il Gruppo Spaggiari e di imbastire diverse collaborazioni con Agenzie Comunicative di Milano. Divento giornalista pubblicista e collaboro con diverse testate di natura per lo più giuridica sino alle collaborazioni con Italia Oggi. Comincio a collaborare con Eco Bnb, un giovane e ambizioso progetto web di ecoturismo e sostenibilità vincitore del Bando Spinner e finanziato dall’Unione Europea, producendo contenuti in italiano e inglese e collaborando alla creazione di un innovativo motore di ricerca.

Come sei venuta in contatto con BBS e in che modo sei arrivata a scegliere di partecipare a un MBA?

Dopo diverse specializzazioni e corsi all’AIE e Studio Samo Academy, la mia Azienda decide di sponsorizzarmi completamente l’iscrizione al MBA Part-time Weekend. Alla fine dell’esperienza in BBS assumo un ruolo manageriale in Sarce a soli 29 anni, azienda informatica leader nella gestione delle trasferte e delle note spese. La mia scelta di intraprendere il Master è stata dettata principalmente dall’obiettivo di costruirmi competenze specifiche per operare nel corporate marketing e nei contesti manageriali. Consapevole che solo una formazione mirata mi potesse aiutare nella crescita personale e professionale, ho optato per un MBA, per sua natura “trasversale”: ho acquisito skill per “fare tutto bene”, mantenendo verticalità. Anche per andare contro al detto che vorrebbe che chi fa tutto, lo fa male… Ho scelto BBS per il suo ranking, per la sua community internazionale e per la rete di aziende virtuose che collaborano con essa. Proprio per questo ancora oggi io e la mia azienda attuale riconosciamo BBS come principale incubatore di innovazione e sviluppo, principale fonte di recruitment e di energia e confronto con le eccellenze del business italiano. Di certo acquisire nozioni come il Calcolo del PIL reale e nominale e del deflatore del PIL diventa cruciale sia per relazionarsi all’attuale assetto socio economico che per poter essere presi in considerazione all’interno del board of Directors della propria company.

Quali sono le tue funzioni attuali?

Come Marketing Manager di Sarce gestisco un team di persone occupandomi dei contenuti web, delle campagne ADV e social, gestendo business unit, partnership ed eventi corporate, oltre ad occuparmi personalmente dei mercati esteri per l’APP SarceTravel, un innovativo software che mette il riconoscimento vocale al servizio dei reparti amministrativi delle aziende: un vero salto di qualità per massimizzare il valore dei dati e facilitare la condivisione e l’utilizzo di applicazioni all’interno dell’azienda in modo semplice e standardizzato.

Come hai vissuto il percorso dell’MBA considerata la tua formazione umanistica?

Ho avuto la fortuna di condividere il mio percorso accademico con colleghi provenienti da background profondamente diversi, e vorrei aggiungere che un’impostazione umanistica è stato il perfetto territorio fertile per sviluppare skill specifiche e offrirmi una visione a 360 gradi del mondo imprenditoriale. L’MBA è stato per me determinante per quel salto di carriera che ricercavo, e ha definito al meglio i miei obiettivi di crescita.

Cosa consiglieresti a un futuro studente?

Un Master e in particolare l’MBA ti dà la percezione che l’eccezionale possa nascere nell’assoluta normalità: non bisogna avere timore del cambiamento, e anzi si deve avere il coraggio di cambiare. L’evoluzione apre opportunità incredibili che devono essere colte.

Se l’obiettivo è “diventare i migliori”, c’è la possibilità di diventarlo formandosi in tematiche specifiche di “long tail”, mantenendo curiosità, interesse, attenzione, voglia di imparare e di mettersi in discussione. Vale per tutti: dal laureato al diplomato, a qualunque livello.

La Business School è un ecosistema capace di generare ricchezza e posti di lavoro, di offrire servizi di qualità e ad alto valore aggiunto, di attirare talenti invitandoli a crescere: il mio consiglio è quello di sfruttare al massimo l’esperienza di vita e il tempo speso in Villa. Intessere relazioni con gli studenti internazionali che incontriamo e che magari un giorno, come nel mio caso, potranno diventare i nostri studenti o uditori di domani.

Quali sono le tue ambizioni a breve/medio raggio?

Sarce è diventata nel corso degli ultimi 10 anni una tra le più innovative aziende informatiche e la sua cifra è quella di garantire competenze e le soluzioni per rendere accessibili alle aziende informazioni senza precedenti, per volume, velocità e diversità, portando il decision making oltre i tradizionali limiti delle conoscenze individuali: questi connotati mi spingono a voler realizzare in questa azienda la mie ambizioni. Ho avuto modo di partecipare al più grande incubatore mondiale di tecnologie a servizio del Business (Microsoft Inspire) e il mio prossimo obiettivo è quello di accompagnare le aziende italiane in un reale processo di digital trasformation, più volontaristico che velleitario. Del resto, il futuro del digitale è fatto di Smart Assistant e realtà aumentata; a livello di sistema di comunicazione di marketing, di “comunicazione integrata”. Oggi il web marketing si struttura per proporre un’offerta anche Above The Line, che copra tv, radio, stampa, perché la creatività è una, il marketing è uno: quello che c’è sotto è soltanto il canale “dove tu esegui”. Con una formazione completa, il futuro potrà solo riservare positive sorprese.

Fuori dall’ambito lavorativo, quali sono le tue passioni?

Il mio tempo libero si divide tra la mia innata passione per la scrittura e la creazione di contenuti, collaborando ancora con alcune testate e in particolare nell’ultimo periodo nel settore food & beverage (sono una grandissima appassionata di vini e vigne) e l’equitazione: relazionarmi con un animale così complesso e concorrere a livello agonistico in gioventù mi ha abituata a stabilire relazioni positive con ciò che mi circonda e a combattere per ottenere risultati. La pratica al maneggio diventa una scuola di rispetto e di equilibrio.



ISCRIZIONE

Back To Top