Marco R.
Di Tommaso


Di Tommaso
Professore Ordinario di Economia applicata Alma Mater Studiorum - Università di Bologna

Professore Ordinario di Economia applicata, ALMA MATER STUDIORUM – Università di Bologna; Direttore di C.MET05 – Centro Universitario Nazionale di Economia applicata; Direttore di EmiliaLab – La rete universitaria emiliano-romagnola dei dipartimenti di studi economici (Ferrara, Parma, Modena, Reggio Emilia, Piacenza, Bologna); Direttore della China and Italy School of Policy; Università di Cambridge Clare Hall Life-Member Fellow; Guest Honorary Professor presso la South China University of Technology, Cina; Guest Honorary Professor presso la South China Normal University, Cina; Direttore de l’industria, Rivista di Economia e Politica industriale, il Mulino; Associated Editor di “Competition and Change” SAGE Pubblications; Presidente del Comitato Tecnico Scientifico di ART-ER, Emilia Romagna.

Ha studiato in Italia e nel Regno Unito. È stato visiting professor in Cina (South China University of Technology), negli USA (University of California Los Angeles), nel Regno Unito (University of Cambridge). Si è concentrato sulla sua attività di ricerca in: Industria Internazionale; Politica Industriale; Sviluppo e cambiamento strutturale; Sviluppo locale, PMI e Cluster; Economia, politiche e industria cinese. Ha collaborato con università italiane e straniere, centri di ricerca specializzati, istituzioni internazionali (UNIDO, CEPAL, UNDP, OCSE) e governi nazionali e locali. Ha promosso e coordinato progetti di ricerca in partnership con reti internazionali di accademici, università e istituzioni. Ha partecipato attivamente al dibattito all’interno della comunità scientifica presentando i suoi lavori in seminari, workshop e conferenze sia in Italia che all’estero. I suoi scritti sono stati diffusi e presentati a livello nazionale e internazionale: è autore e coautore di numerosi libri e di circa 150 articoli pubblicati su riviste scientifiche.

CORSI

L’aumento di efficacia delle politiche e delle strategie territoriali (locali e regionali), anche in considerazione di quelle nazionali ed europee, presuppone un miglioramento della capacità di programmare prima e valutare analizzare poi gli impatti economici, sociali, ambientali, sanitari, produttivi, tecnologici, ecc., al fine ultimo di accrescere il Valore Pubblico dei territori. 

Il Public Value Manager saprà supportare l’amministrazione nella definizione delle politiche pubbliche e delle strategie per l’attuazione delle stesse, anche in partnership pubblico-privata. 

Public Management and Innovation