Private Label Development & Innovation

Sviluppo e innovazione della private label nel largo consumo

Con i termini Private Label (PL), Marca Privata o Marca del Distributore (MDD) si definiscono i prodotti realizzati da un produttore terzo e venduti con il marchio di un distributore.

In Europa presso i più importanti distributori tra il 20% e il 50% dei prodotti venduti è Private Label, con un trend in costante crescita. Private Label non consiste solo nell’utilizzo di un logo esplicito del Distributore nel momento della vendita dei prodotti, ma è un concetto che orienta gli acquirenti e i consumatori ad attribuire al punto di vendita il valore dell’offerta anche quando non esiste un marchio esplicito sui prodotti.

Conoscere bene gli obiettivi, i criteri e le modalità che ciascun Distributore adotta nelle strategie di sviluppo della propria marca, e in particolare dei prodotti Private Label, è un fattore competitivo determinante per le imprese di produzione, sia per quelle che hanno deciso di lavorare come “copacker” di Private Label sia per le imprese che hanno consapevolmente deciso di investire solo sul proprio prodotto di marca.

Allo stesso modo i Distributori stanno attraversando un periodo impegnativo di cambiamento e sono chiamati a ripensare a quale ruolo la propria marca assume e come essa veicoli l’identità e la reputazione attraverso la combinazione tra insegna, punto vendita, servizio (personale), offerta, comunicazione e prodotti. In questo ambito si collocano le scelte di innovazione e nuova competizione dei prodotti Private Label.

La capacità di navigare e competere in questo contesto, producendo risultati e redditività, è un fattore essenziale tanto per i manager delle imprese della distribuzione chiamate a fidelizzare i clienti e sviluppare margini, quanto per le imprese di produzione che con marchi propri o nel ruolo di “copacker” intendono indirizzare la propria strategia verso la produzione di prodotti Private Label.

In partnership with B Logo def per sito


Ludovica Leone

Ludovica Leone

Director MBA Food and Wine
ludovica.leone@unibo.it

Ludovica Leone

Paolo Palomba

IPLC and Experties on Field
paolo.palomba@bbs.unibo.it

" L’innovazione tecnologica e i nuovi modelli di business nel Largo Consumo stanno generando opportunità e minacce per le aziende di produzione e distribuzione/retail. Non potrà mancare questa occasione chi opera in questo business o vi si avvicina ed è attento all’innovazione. La Private Label è, e sarà per i prossimi anni, una leva fondamentale della competizione e della generazione di valore. Con la condivisione di esperienze, modelli e testimonianze dirette i partecipanti potranno acquisire e portare in azienda le conoscenze per sviluppare nuove opportunità di crescita. "

STRUTTURA

Il percorso ha una durata di 4 mesi.

Le date delle lezioni sono:

  • 7-8 giugno 2019
  • 21-22 giugno 2019
  • 5-6 luglio 2019
  • 6-7 settembre 2019
  • 20-21 settembre 2019

Sono previste attività online durante l’intervallo dei mesi di luglio e agosto.

I moduli sono:

  • Retail Brand Concept 7-8 giugno 2019
  • Brand Equity, competitività del retail e private label 21-22 giugno 2019
  • Innovazione nel retail: la forza dei retail analytics 5-6 luglio 2019
  • La relazione tra copacker e retailer 6-7 settembre 2019
  • La private label “food and wine” 20-21 settembre 2019

CORSI

  1. Descrizione e scopi delle Private Label (PL) e Marche del Distributore (MDD).
  2. Scenario Internazionale del Retail e delle Private Label nel FMCG.
  3. Ruoli della Private Label nel posizionamento di marketing dei retailer (Formati, Canali, Punto vendita) e dei copacker.


  1. Composizione e sviluppo della Brand Equity del retailer
  2. Offerta: assortimento, prezzo, promo-comunicazione
  3. Category Management e Private Label
  4. Private Label, Fidelizzazione e Loyalty Program


  1. “FIGYTAL RETAIL”: Omnicanalità, digital marketing, in store new technoloy
  2. “Data Driven” Private Label: segmentazione della PL. Una PL per ogni target? dalla PL alla brand/store loyalty.
  3. Sostenibilità e tracciabilità nella supply chain della Private Label


  1. Il dilemma di chi produce: strategia di Marca Propria o Copacking?
  2. Profilo ideale del produttore “copacker” per il retailer, obiettivi e criteri di scelta
  3. Copacker, partner attivo nella filiera e nel marketing del retailer
  4. La relazione, i capitolati e la negoziazione con il retailer per la Private Label


  1. Private Label: dai piatti pronti, al risto-retail, alle nuove forme di ristorazione
  2. La Private Label come opportunità per l’internazionalizzazione e l’export
  3. La Private Label del futuro


METODOLOGIA

Lezioni frontali d’aula, testimonianze aziendali di Manager, Short panel d’aula e/o gruppi di lavoro, visite in store, role play si alterneranno nel percorso formativo.

Networking

Il networking si sviluppa tra gli studenti della stessa classe, tra i partecipanti e i docenti, nonché con studenti di altri percorsi o di edizioni precedenti dello stesso programma.

AZIENDE

Nel corso degli anni, i nostri partner sono stati costantemente coinvolti nelle varie attività che compongono la struttura dei nostri programmi. Società appartenenti al nostro network partecipano a project work e lezioni master; essi contribuiscono attivamente a introdurre relatori ospiti e l’organizzazione di visite in azienda. I nostri partner sono i nostri primi sostenitori: sponsorizzano varie borse di studio, ospitano stage degli studenti e forniscono opportunità professionali per i laureati.   Le imprese partner di Bologna Business School sono:

Aeroporto G. Marconi Assicoop Bologna Metropolitana Automobili Lamborghini Bologna Fiere Brevini Power Transmission Camera di Commercio di Bologna Camera di Commercio di Ferrara Camera di Commercio di Forlì-Cesena Camera di Commercio di Modena Camera di Commercio di Rimini Camst Carpigiani Group Cassa di Risparmio in Bologna Confcommercio Emilia Romagna Confindustria Emilia Romagna Coswell Datalogic Ducati Motor Holding Enel Engineering Ingegneria Informatica Expert System Falorni Fastweb Ferrarelle Ferrari Ferretti Group Finalma Fondazione Carisbo Fondazione Cassa Risparmio Cesena Fondazione Cassa Risparmio di Cento Fondazione Cassa Risparmio di Imola Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi Fondazione Cassa di Risparmio di Ferrara Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo Fondazione G. Marconi Fondazione IBM Italia Fondazione Isabella Seràgnoli Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna Fondazione per la Collaborazione tra i Popoli Food Trend Foundation Furla Google Italia Granarolo GroupM Gruppo Coesia Gruppo Sistema H-ART HSPI Haworth Hera Horsa IBM Italia IMA Iconsulting Intesa San Paolo KPMG Advisory Laboratori Guglielmo Marconi Landi Renzo Legacoop Bologna Lighthouse Manutencoop Mape Maps Masai Italia Maserati Microsoft Italia Montenegro N.C.H. Nuovi Cantieri Apuania Olidata Onit Group Opera Santa Maria del Fiore Philip Morris Italia Poltronesofà Regione Emilia-Romagna Ricoh S.E.C.I. Gruppo Industriale Maccaferri SAP SCS Consulting STMicroelectronics Schneider Electric Seps Technogym Teuco The Boston Consulting Group Toyota Material Handling Italia Trevi Group Umberto Cesari UniCredit Unieuro Unindustria Bologna Unipol Vem Sistemi Veronesi Viabizzuno Videoworks Volvo Car Italia WPP Italia Yoox Net-A-Porter Group

COSTI

La quota di iscrizione al programma è di 3.800 euro (più iva) da corrispondersi entro la data di avvio del corso.

La quota comprende la frequenza al programma, tutto il materiale di studio disponibile attraverso la piattaforma on line e l’accesso ai servizi di Bologna Business School, che includono: account personale wi-fi Alma, uso dei pc del Computer Lab, utilizzo delle aree studio e accesso alla palestra interna.
Nel parco della Scuola è disponibile un ampio parcheggio gratuito.

Sono previste agevolazioni:

- per iscrizioni pervenute anticipatamente;
- per le aziende del Business Network;
- per gli Alumni di Alma e Profingest;
- per gruppi di almeno 3 persone.

FONDI INTERPROFESSIONALI

Alumni e Aziende possono verificare la disponibilità di voucher presso il Fondo Interprofessionale di riferimento:

Fondimpresa - per quadri / middle management
Fondo Dirigenti PMI - per dirigenti di PMI industriali
Fonditalia
Fondirigenti - per dirigenti
Fon.Coop - per aziende cooperative

CONTATTI

     
     
     

CONTATTA

    Leggi la nostra privacy policy

SCARICA BROCHURE

     
     
     

REQUISITI

Il corso è riservato ad un massimo di 20 partecipanti.

PROCESSO DI AMMISSIONE

Per iscriversi è sufficiente scaricare la scheda di iscrizione ed inviarla tramite email o fax.

FAQs

Al termine del percorso viene rilasciato un diploma di partecipazione (previo il raggiungimento dell'80% delle ore d'aula).
I documenti utilizzati in aula ed eventuali letture di approfondimento o esercitazioni saranno caricate nella nostra piattaforma, le cui credenziali saranno consegnate in aula.
Qualora un gruppo di colleghi volesse partecipare al programma, è possibile contattare il Program Manager per valutare un prezzo di partecipazione ad hoc.
I nostri corsi brevi non richiedono un percorso di studi specifico. E' importante avere alle spalle alcuni anni di esperienza lavorativa utili a poter contribuire, all'interno dell'aula, apportando casi reali affrontati e soluzioni adottate durante l'attività lavorativa.

Faculty

I docenti di Bologna Business School lavorano insieme per offrire standard di insegnamento di livello elevato. Un approccio internazionale e interdisciplinare è garantito da un team composto da accademici italiani, visiting professor, guest speaker e top manager.

Back To Top