500 nuovi manager alla Graduation 2018

8 July 2018

La Graduation 2018 conferma la corsa verso la dimensione internazionale di Bologna Business School, consegnando il diploma di master a 500 giovani provenienti da tutta Italia e da tutto il mondo, che hanno concluso i Master Universitari full-time (italiani e internazionali), i Master Executive e il Global MBA. In Aula Magna Santa Lucia a Bologna si è svolta, in presenza di illustri rappresentanti della politica, dell’impresa e del mondo accademico, la cerimonia che come da tradizione dà il via a due giorni dedicati a celebrare l’impegno dei diplomandi e all’annuale incontro della vivace Community di BBS.

Sul palco, Michele Pontecorvo, Vicepresidente di Ferrarelle e Alumnus dell’Executive Master in Sales & Marketing di BBS, ha accompagnato la platea attraverso i momenti istituzionali e le riflessioni degli ospiti.

 

2018_07_06_Reunion_0365

 

L’imprevedibilità del presente

Il mondo di oggi cambia ed evolve ad un ritmo che a tratti ne rende difficile la comprensione. “Abbiamo vissuto per 70 anni tra crisi e paure, ma sempre con alcune certezze. Oggi, siamo entrati in un periodo caratterizzato da un problema diverso: l’imprevedibilità.” Romano Prodi, Presidente del Collegio d’Indirizzo di Bologna Business School, apre la cerimonia interpretando le principali trasformazioni alle quali stiamo assistendo e che stanno plasmando il mondo nel quale i diplomandi si troveranno ad operare nel loro prossimo futuro.

I cambiamenti e le incertezze non riguardano, secondo Romano Prodi, solo la politica mondiale, ma anche e principalmente, l’economia. “Nessuno aveva mai messo in dubbio il cammino della globalizzazione. La criticavamo sotto molti aspetti, ma la credevamo irreversibile. Per la prima volta, in questo anno, abbiamo il dubbio anche su questo.” C’è però alle porte un mondo diverso, che va affrontato con ottimismo e determinazione dalla prossima generazione di manager ed imprenditori. “Voi, cari diplomandi, vivrete cambiamenti impressionanti. Quello che vi chiedo è di essere attivi, fiduciosi, e di restituire quell’insegnamento prezioso all’apertura che Bologna Business School vi ha dato.”

 

L’eredità del territorio

Gli Alumni di BBS sono depositari, oltre che delle nozioni apprese durante la loro formazione, di un’eredità speciale. È l’eredità dell’Alma Mater, di una regione e di un territorio capaci di far dialogare innovazione e tradizione, imprese locali e mercato globale, singoli e istituzioni. “Quello che abbiamo vissuto e che stiamo vivendo nel contesto industriale Emiliano potrebbe essere definito come un piccolo miracolo economico,” afferma Alberto Vacchi, Presidente di Confindustria Emilia e di IMA Spa, rivolgendosi alla platea.

Il tema dei giovani e del loro percorso formativo costituisce, secondo Vacchi l’elemento essenziale di tutto il percorso di crescita che, fortunatamente, il contesto industriale del nostro territorio sta compiendo. “Per continuare in questa direzione abbiamo bisogno di figure come voi, capaci di affiancare a competenze tecniche la capacità di muoversi negli scenari mondiali e di inserirsi in un tessuto imprenditoriale molto particolare, che è quello della media impresa italiana,” conclude, ribadendo il suo sostegno e quello dell’istituzione che rappresenta al prezioso ruolo svolto da BBS nel campo della formazione manageriale.

 

La fiducia nel futuro

Bologna Business School nasce in un territorio di forti tradizioni, che però ama con uguale forza guardare avanti. “Siamo qui perché crediamo nel futuro,” esordisce Max Bergami, Dean di Bologna Business School, nel suo Feed-forward, uno sguardo agli importanti risultati raggiunti dalla Scuola nell’anno passato, ma soprattutto, agli ambiziosi obiettivi per il futuro. Un futuro che prende man mano forma dall’impegno di BBS per lo sviluppo delle persone, delle imprese e della società.

11 Master Full-time con il nuovo indirizzo del Global MBA Supercars, Superbikes and Motorsports, 10 Master Executive, 3 Corporate Master e nuovi programmi nel campo della sostenibilità ambientale e delle tecnologie digitali, fanno di BBS il centro della formazione manageriale sul territorio, con un peso in continua crescita anche su scala nazionale ed internazionale.

Alla classe del 2018 il Dean Bergami rivolge un augurio speciale. “Siate Maestri. Portate il significato vero del lavoro tra i vostri colleghi e nelle imprese in cui lavorerete. Essere Maestri è più di un atteggiamento, è un modo di essere. Significa diventare punti di riferimento per altre persone. Ed è la cosa più difficile per un manager, anzi, credo sia la cosa più difficile di tutti i mestieri. Date tutto quello che avete, perché possedete il talento e perché vi siete preparati per questo.”

 

2018_07_06_Reunion_0600

 

Il talento dei ribelli

Il futuro è di coloro che non si piegano all’opinione comune è che mantengono viva l’umiltà intellettuale di mettere sempre in discussione le proprie convinzioni. Francesca Gino, Professore alla Harvard Business School e ricercatrice sui processi decisionali e il comportamento organizzativo, porta alla Graduation 2018 l’esperienza della sua decennale ricerca su oltre 200.000 dipendenti delle organizzazioni di tutto il mondo.

I ribelli sono persone come voi, persone piene di talento, persone che infrangono le regole, ma in modo costruttivo e positivo,” si rivolge al pubblico, affacciandosi dal pulpito dell’Aula Magna Santa Lucia. “Guardandovi, nutro la grande speranza che, nonostante l’esperienza che già avete acquisito, continuerete a guardare il mondo con curiosità e da prospettive sempre diverse. Vi auguro di abbracciare i vostri talenti, chiedervi costantemente cosa rimane da imparare e di avere il coraggio di infrangere le regole quando queste diventeranno un limite per voi e gli altri.”

 

La leadership dell’autenticità

“Qualunque interesse, campo di lavoro sceglierete, sarete al centro di emozionanti cambiamenti nella società, nella tecnologia e nella cultura. Grazie alla vostra istruzione di prim’ordine, sarete in grado di fare la differenza rispetto a ciò che vi accadrà attorno.” Toni Belloni, Managing Director di LVMH, introduce con queste parole il suo Commencement speech.

Da più di 17 anni alla guida della gestione strategica e operativa del più importante gruppo mondiale nel settore del lusso, Belloni mette l’accento sui valori umani come base sulla quale costruire una buona leadership. ”Sono da sempre una persona relativamente insicura, ma ho trasformato questa caratteristica in un punto di forza: mi preparo più accuratamente, apprezzo di più l’opinione degli altri e non mi prendo troppo sul serio. L’autenticità è il tratto del vostro carattere sul quale dovete costruire.”

Secondo Belloni, è fondamentale saper ascoltare e costruire relazioni umane forti: “Indipendentemente dalla strada che sceglierete, sarà un viaggio formidabile fatto insieme ad altre persone. Non si ottiene molto dall’isolamento, è necessario saper combinare l’intelligenza collettiva e la diversità dei talenti. Siete una generazione generosa, vi auguro di impegnarvi al meglio delle vostre capacità nella sfida con la vita.”

 

A rappresentare la voce dei diplomandi, sul palco, è Valeria Rojas Nastrucci, studentessa venezuelana del Global MBA in Innovation Management / Mechanics and Innovation, che oggi opera come manager in Philip Morris International. “In questa scuola non ci sono limiti in termini di cultura, di interesse, di sogni,” racconta. Il Global MBA è stato per Valeria un percorso che ha unito rigore accademico, passione per l’Italia e condivisione culturale con studenti provenienti da 26 paesi. “Spero di vedere tutti voi raggiungere gli obiettivi più alti. E sono sicura che in futuro avrò l’onore di dire che ho studiato con l’amministratore delegato di un’importante azienda internazionale o con il fondatore di una startup innovativa.”

La Graduation 2018 si è chiusa con il conferimento dei diplomi da parte del Magnifico Rettore Francesco Ubertini. Bologna Business School saluta 500 studenti e dà il benvenuto ad altrettanti Alumni, che arricchiranno ulteriormente l’esperienza della Community della Scuola.

 

2018_07_06_Reunion_0887




ISCRIZIONE

Oops! Non è stato possibile trovare il tuo modulo.

Back To Top